Ultima modifica: 27 aprile 2019

GLI ORGANIZZATORI GRAFICI NELLA DIDATTICA INCLUSIVA: STRUMENTI PER IMPARARE, STRUMENTI PER PENSARE

GLI ORGANIZZATORI GRAFICI NELLA DIDATTICA INCLUSIVA:
STRUMENTI PER IMPARARE, STRUMENTI PER PENSARE
CLASSE IIA “M.T. CAU”
INS. MARIA STEFANIA MAZZA

Un modo diverso di “vedere” l’informazione

L’insegnante Mazza Maria Stefania , in seguito alla partecipazione di un corso sulla Dislessia
e nello specifico sugli organizzatori grafici, ha potuto sperimentare e mettere in pratica,
con i suoi alunni della 2^ A primaria di Maria Teresa Cau, ciò che è stato appreso durante il corso,
tenutosi dall’insegnante specialista Meloni Maria Antonietta.

Gli organizzatori grafici sono strumenti compensativi ideali per favorire un

apprendimento inclusivo dei nostri allievi con DSA o con altri BES, ma sono

anche strumenti straordinari per tutti gli allievi e per tutte le discipline.

Nella scuola primaria gli organizzatori possono essere utilizzati per insegnare agli alunni
come mettere ordine ai loro pensieri alle loro idee, sia quando devono produrre elaborati
scritti sia quando devono esporre oralmente.

Si presentano come strumento didattico inclusivo non solo per gli alunni ma

anche per tutti i docenti , che possono condividere gli strumenti utilizzabili per crearli.

Come si costruiscono? Si disegnano a mano, si costruiscono con Word forme o

Smart art, con Power Point .

Gli organizzatori grafici combinano il codice linguistico (poiché utilizzano parole/frasi)
e il codice non linguistico.

Ciò che rende gli organizzatori grafici validi al di là del contenuto da veicolare è

il fatto che  aiutano  gli alunni ad acquisire non solo capacità di ordinare e rielaborare contenuti,
ma anche di applicare tali strumenti a tutti gli ambiti di apprendimenti.

Strategie utilizzate

  • Le lezioni vengono suddivise in piccoli segmenti.
  • Vengono anticipati gli aspetti generali dei contenuti.
  • Insieme agli alunni si sceglie la struttura dell’organizzatore grafico adatta a ciò che si vuole
    veicolare, in base agli otto processi cognitivi:
  1. definire,
  2. descrivere,
  3. confrontare,
  4. classificare,
  5. mettere in sequenza,
  6. identificare relazioni tra l’intero e le sue parti,
  7. analizzare il rapporto causa/effetto,
  8. trovare analogie e differenze.
  • L’insegnante racconta a voce alta ciò che si sta facendo mentre si costruisce
    l’organizzatore grafico.
  • Si Imposta un’attività di costruzione guidata. Si controlla che tutti abbiano capito.
  • Si assegna un’attività di costruzione autonoma.
  • Si consente la collaborazione tra gli studenti.
  • Si semplificano i contenuti o la struttura dell’organizzatore grafico.

Benefici riscontrati

  • gli organizzatori grafici aiutano tutti gli alunni, soprattutto quelli con

bisogni speciali e con disturbi specifici

  • forniscono struttura e guida agli alunni nel loro cammino verso una

maggiore autonomia nello studio

  • offrono un mezzo visivo per spiegare e organizzare informazioni e idee
  • aiutano gli studenti a sviluppare la capacità di valutare e manipolare

attivamente le informazioni

Se ben utilizzati (accompagnati da illustrazioni e da attività di cooperative

learning) facilitano non solo l’apprendimento dei contenuti, ma lo sviluppo delle

abilità e delle strategie di apprendimento

 

La didattica inclusiva è un atteggiamento: dobbiamo essere per la differenza,
per rispettare la differenza, per valorizzare la differenza,
finché la differenza non farà più differenza.

TESTO DESCRITTIVO
   
   
   
   
   
   
TESTO DESCRITTIVO: IL GATTO
   
   
PRESENTAZIONE POWER POINT

ORGANIZZATORE GRAFICO GATTO

TESTO DESCRITTIVO: IL MIO COMPAGNO
   
   
   
TESTO DESCRITTIVO: LA MERENDA
   
CARTELLONI MURALI